Mercato
Lingua
Internazionale
IT EN FR
USA
EN

QUICK CONTACT

Università Cattolica di Lione

Ambienti di lavoro e di studio

Un luogo di isolamento trasformato in un luogo di conoscenza grazie anche ad una nuova illuminazione firmata Targetti.

Anno

2015

Architetto

Garbit & Blondeau

Fotografo

Jerome Ricolleau

Località

Prisons Saint-Paul et Saint-Joseph, 69002 Lyon, Francia

Trasformare un luogo di isolamento in un luogo di conoscenza, è stata la sfida degli architetti Garbit & Blondeau, autori del progetto per la nuova Università Cattolica di Lione, realizzata nell’area e negli edifici della vecchia prigione della città, risalente al 1865. Preservare la memoria del luogo, chiuso dal 2009, è stato uno degli obiettivi principali che ha guidato il progetto e ha ridato nuova vita agli spazi della prigione; un’attenta ristrutturazione ha mantenuto intatte le loro austere caratteristiche architettoniche, trasformandoli in uffici e aree amministrative. Per le 89 aule dell’università previste nel progetto sono stati invece costruiti 7 nuovi edifici in chiaro contrasto col preesistente, ma che perfettamente si integrano tra loro grazie ad una struttura in acciaio e vetro che li collega e che porta con se un chiaro messaggio di apertura verso la città, che per la prima volta ha potuto conoscere l’architettura della vecchia prigione.

Grazie a questo gioco di trasparenze delle aree comuni, la prigione si reintegra “nella città e nella vita” dice Jean-Pierre Blondeau. E vive di giorno grazie a migliaia di studenti, e di notte grazie ad una nuova illuminazione firmata Targetti. L’obiettivo era illuminare sufficientemente i piani di calpestio della grande area comune e dei percorsi e allo stesso modo mettere in evidenza il contrasto tra vecchio e nuovo, tra la solidità dei vecchi edifici e la leggerezza della nuova struttura vetrata. Per valorizzare l’edificio in pietra della vecchia prigione, sono stati installati dei proiettori incassati a terra della gamma KEPLERO, che lavorando in radenza evidenziano la matericità del vecchio edificio. Per illuminare il piano di calpestio sono stati utilizzati i proiettori PYROS perfettamente integrati nella struttura in acciaio. Effetti studiati con assoluta precisione e sapiente controllo della luce, che lasciano volutamente in ombra i piani verticali dei nuovi edifici per la massima valorizzazione della parte storica del complesso.

 

Prodotti utilizzati

Altri progetti della stessa categoria

Zeisehof

Amburgo

Caisse des Écoles

Parigi

Banca Popolare di Milano

Firenze

Questo sito web fa uso di cookie tecnici anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione. Per le informazioni sul loro funzionamento, disinstallarli dal tuo browser o negare il consenso ad alcuni cookie, leggi la policy dedicata . Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies, nel rispetto degli artt. 122, comma 1 e 154, comma 1, lett. h), del Codice della privacy. Info